Postura - quali dolori e perché

Leggi anche L'importanza della postura

Sull’importanza della postura ho parlato in due miei precedenti articoli, in questo voglio darvi alcune indicazioni per aiutarvi a comprendere quanto sia fondamentale attuare un programma di riequilibrio posturale.

Il corpo umano è una macchina perfetta che si è evoluta in base a delle necessità funzionali che ne hanno plasmato la forma finale, ovvero stando a quattro zampe oggi avremmo una forma diversa.

Il grafico rappresenta i punti fondamentali di sostegno della struttura del corpo umano che si allocano nelle principali articolazioni : le caviglie, le ginocchia, le anche, la colonna vertebrale e le spalle. Tutto ha un senso ed una funzione: mantenere la stazione eretta e consentire i movimenti dell’intero corpo, degli arti e della testa. Ma……

Ma come una gomma sgonfia si ripercuote su tutta l’automobile, anche se dapprima magari con modesti scompensi poi sempre più seri, fino ad arrivare al blocco del mezzo, così avviene nel corpo umano. La differenza sta che il corpo umano essendo una struttura viva e rinnovabile sopporta per decenni determinati scompensi, generando sistemi di compensazione autonomi, per poi però arrivare anche esso ad un punto di blocco.

Vediamo una sommaria lista di dolori per scoprire una per molti di voi insospettabile varietà di scompensi posturali

Dolori alle ginocchia. Le ginocchia si trovano giusto in mezzo tra l’articolazione delle anche e quella delle caviglie. Risentono perciò sicuramente di qualsiasi scompenso derivi dai piedi, dalle caviglie e dalle anche. Caviglia rigida o viceversa con lassità articolare scarica forze e tensioni disomogenee sul ginocchio Piede piatto sposta il baricentro del peso corporeo all’interno del piede trascinando in basso il tubercolo della tibia e l’apice del perone e quindi la base del ginocchio. Anca slivellata produce una spinta e una tensione disomogena sul ginocchio che si ripercuote sulla caviglia per tornare ancora al ginocchio.

Dolori alle spalle. Le spalle sono una articolazione che funziona come il braccio di una gru, la sua forza dipende dalla base su cui poggia. Nel caso della spalla il primo appoggio è su scapola e clavicola, poi sulla colonna vertebrale, quindi sulle anche e infine su ginocchia e caviglie. Generalmente il dolore alle spalle può derivare da scompensi vertebrali come scoliosi e cifosi, ma in realtà qualsiasi blocco in una delle articolazioni principali va a creare una debolezza nel potenziale movimento della spalla. Se anni di allenamento di panca piana hanno reso forti le spalle, ciò è avvenuto attraverso una spinta apparentemente lineare ma che in realtà comportava l’intrarotazione dell’omero.

Dolori ai gomiti. Il gomito potrebbe rappresentare l’equivalente del ginocchio, con la differenza che a meno di non camminare sulle mani non sopporta in maniera diretta l’intero peso corporeo. Tuttavia il dolore al gomito deriva quasi sempre da problematiche a monte proprio come le ginocchia. Nel caso della spinta con bilanciere su panca in un soggetto con scoliosi, l’intrarotazione dell’omero si ripercuote da un lato sulla testa dell’omero appoggiata a scapola e clavicola e dall’altro sull’epicondilo e l’olecrano. Il gomito del tennista spesso non è dovuto all’infiammazione del tendine per i potenti rovesci, ma una conseguenza dei potenti rovesci che si eseguono con intrarotazione dell’omero.

Dolori alla schiena. Benchè la schiena sia vasta e prenda metà della lunghezza dell’intero corpo, quando si parla di mal di schiena ci si riferisce alla zona compresa tra osso sacro e reni. Qui si può dire che convergano le forze e le tensioni sia dal basso verso l’alto che dall’altro verso il basso. Un piede piatto produce una tensione sulla schiena così come uno sbilanciamento del capo in avanti, così quanto uno slivellamento della anche o una lordosi. La schiena fa male spesso proprio perché essendo al centro raccoglie tutte le tensioni. Inoltre il diaframma respiratorio e i vitali organi come fegato, intestino e reni contribuiscono anch’essi a generare tensioni sulla colonna vertebrale.

Riassumendo : i dolori muscolari, tendinei ossei derivano quasi sempre da problematiche posturali che scaricano a cascata forze e tensioni disomogenee sulle articolazioni vicine.

Quindi non sprecare tempo e denaro continuando a fare quello che hai sempre fatto. Il dolore è un messaggio : ascoltalo! Rivolgiti a me per un programma completo di riequilibrio posturale e otterrai già dalla prima session i primi benefici. Sono talmente convinto di quello che dico per la mia esperienza di atleta e personal trainer, che ti garantisco il risultato soddisfatto o rimborsato!

Gallery

-->